martedì 4 aprile 2017

Invece un Samaritano, che era in viaggio, passandogli accanto lo vide e n'ebbe compassione.
Gli si fece vicino, gli fasciò le ferite, versandovi olio e vino; poi, caricandolo sopra il suo giumento, lo portò a una locanda e si prese cura di lui..
(Lc 10,33-34)





Visita  dei ragazzi delle Scuole Elementari nella sede
della Caritas Parrocchiale “San Giuseppe Moscati” di Taurianova

Il primo aprile 2017, accompagnati dalle loro Maestre, i ragazzi delle Scuole Elementari
del I° Circolo, hanno fatto il loro ingresso nella sede della Caritas Parrocchiale, accolti dalla Responsabile Enza Arcuri, coadiuvata da altre due volontarie che hanno aderito al progetto di accoglienza, assolvendo altresì ad un intento pedagogicamente formativo nell'illustrare le varie attività che vengono svolte dal nostro volontariato e che comprendono:
-      la distribuzione di alimenti ed indumenti ad extracomunitari e a persone bisognose;
-      l'accoglienza di anziani;
-      di ragazzi diversamente abili;
-      il doposcuola ad alunni con qualche problema di apprendimento;
-      lavori creativi nel laboratorio di cucito, destinati ai vari mercatini, al fine  di trarre proventi di fondamentale importanza per far fronte alle spese di gestione della sede stessa. 

Commovente la testimonianza di Ramona, una ragazza dell'Est Europa, che ha esposto con parole semplici ma di grande effetto, il suo percorso di vita da straniera in Italia, un percorso non sempre facile in relazione all'integrazione sia linguistica che di costume, ma che alla fine è valsa a farla sentire come a casa propria.
Molte domande sono state poste e si è giunti alla conclusione  che il collante di una Comunità in crescita è rappresentato dalla disponibilità all'ascolto di ogni  persona, dal rispetto dei suoi orientamenti culturali e religiosi, dal desiderio di farsi prossimo e di aprirsi ad esperienze formative di inclusione così importanti per non “sentirsi soli”.

A ricordo dell'incontro, una poesia di Enza ed il dono di un segnalibro con un piccolo cuore che rappresenta l'amore così ben espresso nella Parabola del Buon Samaritano: ovvero non passare oltre, non chiudersi nell'indifferenza davanti a chi ha bisogno del nostro aiuto.
Un grazie alle gentili Maestre e ai ragazzi tutti per la loro presenza ed un arrivederci alla prossima occasione.


Thea Mazzanti




Buongiorno ragazzi,

alla Caritas ci preoccupiamo anche dei bambini che incontrano difficoltà nei compiti scolastici e che vivono in una famiglia con problemi economici.

Le maestre volontarie, che si prendono cura di questi bambini, non sono presenti oggi perchè si trovano in viaggio per un pellegrinaggio, però hanno lasciato per voi  in ricordo,  alcuni disegni dei bambini che rappresentano i vari momenti vissuti nel luogo in cui si riuniscono, con le Maestre o Maestri, nel pomeriggio: l'Oratorio di San Giuseppe, vicino alla Chiesa.

Vi lasciano anche un messaggio:

“Aiutate chi si trova in difficoltà, soprattutto con il sorriso e l'amicizia”.

I bambini del Laboratorio pomeridiano doposcuola vi salutano caramente insieme a Maestre e Maestri.

Le maestre
Caterina Lofaro e Lidia Rigoli







Un pensiero in rima baciata

della nostra Responsabile Enza Arcuri



Oggi è un giorno di gioia, di festa e di allegria,
credetemi, non sto dicendo una fesseria.



Abbiamo la partecipazione di voi bambini,
io vi paragono a graziosi e delicati amorini
con capelli biondi, castani e corvini.


Con la vostra numerosa presenza, meritate
una calorosa ed affettuosa accoglienza.

Fate tesoro di questa piena e fraterna mattinata
e di grande CARITA' illimitata.


Termino questo mio pensiero

ringraziando tutti.. per davvero.



Oltre voi allievi della Scuola Elementare

anche le amate Maestre che ci andranno
ad ascoltare.


A tutti quanti voi siamo grati.

Un cordiale grazie dalla CARITAS SAN GIUSEPPE MOSCATI.





Taurianova, 1° Aprile 2017













domenica 30 ottobre 2016

Tutti Insieme in fattoria...




Giorno 22 ottobre 2016, si è felicemente conclusa la gita organizzata dalla Responsabile Caritas, Enza Arcuri, che per la prima volta ha riunito tutti i partecipanti alle attività che si svolgono nella nostra Sede, situata in via San Nicola – traversa  Fra Bonaventura -  e che coinvolgono diverse persone: anziani, ragazzi diversamente abili, e volontarie di ogni sezione.
La meta è stata la Fattoria didattica - Azienda Agricola Caratozzolo  - località Solano di Bagnara Calabra.
Bella l'accoglienza del personale della Fattoria, ed  interessanti le spiegazioni incentrate sul percorso didattico “ Dal chicco di grano al pane” che ha trovato un uditorio attento e partecipativo, dove ognuno ha potuto esporre le proprie conoscenze ed aggiungerne altre del tutto inedite sulle qualità del grano e delle sue applicazioni per la panificazione, tradotta  poi in pratica nel realizzare piccole forme di pane che,  infornate per la cottura sono state portate a casa come ricordo di una giornata del tutto speciale. 
Il clima di queste gite è sempre improntato al desidero di condivisione di momenti di spensieratezza, così importanti per gli anziani, ma anche per chi si impegna a rendere le loro giornate meno faticose regalando accoglienza, comprensione  e sostegno che diventa reciproco tra chi dona e chi riceve in uno scambio paritario di attenzione ed affetto.
A tal proposito desidero espore un pensiero che mi è sorto ieri, quando con alcune amiche sono stata in visita presso una casa di Riposo per Anziani, situata nelle vicinanze del nostro paese. Ebbene l'impressione che ne ho ricavato, nonostante l'apprezzamento per quanto il personale di questi Enti riesce a realizzare in materia di accoglienza, situazioni igieniche, cura e quant'altro, è stata quella mancanza di stimoli che riescano a rompere la routine di giornate monotone da trascorrere in attesa.. di.. un parente che non si fa mai vedere, di figli lontani che come mi è stato riferito da un'ospite, un'anziana signora: “ forse non sanno se ancora vivo oppure sia deceduta” .. 
Che tristezza!
Essere relegati fuori dalla cerchia affettiva è l'epilogo di una vita spesa a favore di figli  che spesso per cause, certamente non sempre dipendenti dalla propria volontà, ma da situazioni  contingenti, pensano di risolvere il problema affidando i propri cari a queste Istituzioni.

Eppure gli anziani rappresentano ancora una risorsa importante per la loro saggezza, per l'esperienza di una vita.. e la dimostrazione che ho potuto rilevare sta nell'accoglienza che i nostri anziani hanno riservato ai ragazzi che non conoscevano direttamente se non per qualche sporadico incontro e che  sono stati accolti con l'affetto che non è dettato da regole ma che è scritto nel DNA di ciascuno di loro...

Il pranzo condiviso, la visita agli animali, la dolcezza di un ottobre ancora tiepido, il cibo buono e genuino, sono stati il collante della nostra piccola comunità in cammino.

Alla prossima.. allora! 
Thea Mazzanti

martedì 18 ottobre 2016

APERTURA ANNO SOCIALE 2016-2017

Oratorio  Parrocchia San Giuseppe – TAURIANOVA
                     


Il 2 ottobre 2016, nel cortile antistante l'Oratorio della Parrocchia di San Giuseppe in Taurianova, il Parroco Don Cosimo Furfaro, con la celebrazione della Santa Messa domenicale, nella festività degli Angeli Custodi, ha dato inizio all'anno sociale dei vari gruppi parrocchiali che svolgono la loro attività nel nostro territorio.

Il Parroco ha indirizzato i suoi ringraziamenti ad ogni componente della Comunità parrocchiale, dal più piccolo al più grande, tutti coinvolti in quel progetto, che costituisce nella Parrocchia quell'ambiente sociale come struttura di fede e che rappresenta quello spirito missionario ed evangelico di coesione, che spinge a rispettare ed amare la propria parrocchia, a lavorare uniti in un cammino di crescita fatto di essenzialità, povertà gratuità e fraternità.
Dalle pagine del Cardinal Carlo Maria Martini:
“...Quando si ha il cuore puro da pesi di troppo e si respira la libertà dell'amore di Cristo, anche i fratelli proveranno l'ebbrezza dello Spirito di vita e le Comunità si sentiranno meno strette da strutture senz'anima.
E qui entra la gratuità, quel vivere la liberalità di Dio più che non di dovuti umani.
..mi pone al servizio della libertà di Cristo sul cammino dei fratelli più indigenti. Di chi non sa ricompensare e neppure dirmi grazie.
Nel seminare senza aspettare che spunti qualcosa. Nel lavorare in un Regno dove l'unica certezza è che Cristo è misteriosamente presente. Tutta la gratuità sta qui, O Signore: nel mio donarmi senza calcoli, a servizio del cuore dell'uomo...”

Ripartire da Emmaus, nel rinnovamento della fede che sostiene ogni iniziativa volta all'ascolto, al dialogo, alla comprensione di ogni soggetto che deve sentirsi parte integrante della Comunità Parrocchiale, nessuno si senta escluso nella Chiesa di Cristo che è accoglienza, perdono, misericordia, verso i più deboli, i malati, gli oppressi e chi vive situazioni famigliari di separazione, divorzio, abbandono.

Siamo comunità in cammino, in un mondo dove guerre interminabili mietono vittime  innocenti, dove l'immigrazione rappresenta quel problema che spinge a chiudere le porte d'Europa, respingendo coloro che fuggono dai lori paesi, pur sapendo di rischiare la vita nei troppi naufragi nel nostro mare.

Il 3 ottobre inoltre, si  celebra la prima Giornata nazionale in memoria delle vittime dell'immigrazione. nell'anniversario di quel 3 ottobre di tre anni fa in cui si consumò nel Canale di Sicilia, al largo di Lampedusa, una delle più gravi stragi di migranti costata la vita a 386 persone che su una 'carretta' del mare speravano in una vita migliore.

Uniti nel ricordo di tanti fratelli perduti, rivolgiamo una preghiera:


“Resta con noi Signore, perchè si fa sera, abbiamo lasciato Emmaus, le nostre paure e timidezze allo spezzare del pane, quel tuo pane, o Cristo, che spezzato e donato con fede e amore, saprà sfamare l'intera umanità, povera o ricca di beni, ma ancor più bisognosa di certezze di vita. 

Buon cammino a tutti!
Thea Mazzanti

venerdì 1 luglio 2016

Gita a Belvedere Marittimo insieme ai nostri anziani

SI E’ CONCLUSO IN BELLEZZA E CON GRANDE SODDISFAZIONE L’ANNO SOCIALE DEI VARI GRUPPI DELLA CARITAS SAN GIUSEPPE MOSCATI.
ABBIAMO ORGANIZZATO UN PELLEGRINAGGIO INSIEME AL DIACONO E DIRETTORE DELLA CARITAS DIOCESANA DON CECE’ ALAMPI CHE CON GRANDE DEDIZIONE CI ONORA SEMPRE DELLA SUA PRESENZA  RECANDOCI ,  NUMEROSI,  GIORNO 25 GIUGNO A BELVEDERE MARITTIMO AL CONVENTO FRANCESCANO CAPPUCCINO DI SAN DANIELE.
E’ STATA UNA ESPERIENZA INDIMENTICABILE.  DALLA CATECHESI  DI  P. UGO MARIA BROGNO  SULL’ANNO DELLA MISERICORDIA E A CONCLUDERE CON LA  VISITA DEL CONVENTO DOVE SI TROVANO I RESTI DI SAN VALENTINO . VESCOVO E MARTIRE ROMANO CONSACRATO NEL 197 DAL PAPA SAN FELICIANO  E PROTETTORE DEGLI INNAMORATI.  LA COSA PIU’ MEMORABILE E’ STATA LA PRESENZA DEGLI AMICI DELLA CARITAS  DI GIOIA TAURO MARINA.  UN GEMELLAGGIO CONDIVISO NELLA PREGHIERA E NEL DIVERTIMENTO. PERSONE ALTRETTANTO MOTIVATE  NEL PORTARE AVANTI CON GRANDE SACRIFICIO GLI INSEGNAMENTI DI NOSTRO SIGNORE:  AMORE CARITA’ E DISPONIBILITA’.
E’ FONDAMENTALE E DI GRANDE INTERESSE ADERIRE E PARTECIPARE A QUESTE INIZIATIVE.  OVE POSSONO EMERGERE E DISTINGUERSI MOMENTI DI AGGREGAZIONE E DI GRANDE INTESA CON IL FINE ULTIMO  SOLO QUELLO DI TRASMETTERE E INFONDERE AD OGNI PERSONA CHE INCONTRIAMO QUEI SENTIMENTI DI GENEROSITA’ FRATELLANZA E SOLIDARIETA’.








martedì 28 giugno 2016

Gita alla Fattoria della Piana di Candidoni (RC)



Si è svolta nel giorno di Venerdì 17 giugno 2016, a conclusione dell'Anno Sociale, la tanto attesa gita a Candidoni presso la Fattoria della Piana, un'azienda agricola per la produzione di latte e la successiva trasformazione in ricotte, formaggi, mozzarelle ecc. ecc.
Grazie al neo Assessore alle Politiche Sociali, la dott.ssa Raffaella Ferraro,  abbiamo avuto un pulmino per il trasporto dei nostri ragazzi, messoci a disposizione dal Comune di Oppido che vivamente ringraziamo.

All'arrivo alla Fattoria siamo stati accolti da un'operatrice, una giovane ragazza con la quale siamo subito entrati in sintonia e che ci ha condotto in visita alle stalle che ospitano circa 900 mucche da latte, spiegandoci con dovizia di particolari, il funzionamento di tutta la catena di produzione, il tipo di foraggio per le mucche e per i vitellini appena nati, la distinzione tra la paglia ed il fieno impiegati per le lettiere e per l'alimentazione, arricchita con scorze d'arancia..

La manutenzione degli impianti che si avvalgono di energia pulita mediante l'impiego di biomasse garantisce una perfetta autonomia per il riscaldamento dell'acqua e per l'illuminazione.

Gli animali sono ben tenuti in grandi spazi, selezionati a seconda del loro stato..particolare emozione hanno suscitato i vitellini, ai quali, i ragazzi,  hanno portato i secchi di latte che loro avidamente bevono, nella misura di 5 litri per due volte nel corso della giornata.

Nella Fattoria sono presenti anche animali domestici come conigli, galline, fagiani ed oche, anche se in numero ridotto ma che comunque sono stati un'attrattiva per i nostri ragazzi.

Interessante la visita alla fabbrica casearia dove abbiamo assistito alla produzione del caglio e alla sua trasformazione. 

Il pranzo presso il Ristorante dell'Azienda è stato quel momento di relax per gustare prodotti e cibi di buona qualità, genuini e serviti con professionalità da personale sempre attento e disponibile.


Nel pomeriggio abbiamo assistito alla mungitura che avviene per opera di operatori indiani, notoriamente rispettosi di questi animali per loro antica tradizione culturale, con tanto di turbante e grandi barbe, eseguita meccanicamente previo tutto un rituale di pulizia e disinfezione.
E' stata per tutti noi, volontarie e ragazzi, una bella esperienza, svolta in un clima festoso di viva partecipazione specie nell'apprendere dalla radio dell'ottimo autista Mimmo, la vittoria dell'Italia sulla Svezia con quel goal all'ultimo minuto che ha scatenato con un appluso l'entusiamo dei gitanti. 

Un grazie doveroso a chi ha contribuito alla realizzazione di un desiderio cullato da tempo e che finalmente ha avuto l'occasione di avverarsi.



Thea Mazzanti




sabato 12 marzo 2016

Festa della donna...insieme!








Nella sede della Caritas San Giuseppe Moscati l' 8 marzo, festa della donna, si festeggia così...

E' stata una giornata speciale all'insegna del buonumore, della condivisione, della gioia di saperci parte attiva di un contesto in crescita che bandisce ogni forma di ghettizzazione e che valorizza l'anziano nella sua insostituibile funzione di guida ed insegnamento per le future generazioni..

Grazie amiche di esserci e di avermi donato con la vostra presenza la consapevolezza che insieme, tenendoci per mano, siamo quella forza che può cambiare il mondo.
(Thea Mazzanti)

lunedì 20 luglio 2015

Lunedì 20 Luglio ore 16:00


Finalmente è l'orario di apertura... 
(la giornata dei nostri volontari è stata lunga e faticosa ma il loro sorriso permane...il Dono rappresenta l'esperienza più bella nella nostra vita!)

Una riflessione è doverosa:
un tempo (non troppo lontano) solo gli stranieri stagionali e appena qualche italiano, affluivano all'apertura del lunedì per il ritiro di alimenti e indumenti; oggi, purtroppo, gli italiani che si presentano sono ben più numerosi degli stranieri!



La distribuzione di indumenti presso la nostra sede sita in via San Nicola trav.sa Beato Bonaventura, Taurianova (RC) 





Distribuzione di alimenti: 
Prima di iniziare l'accoglienza il gruppo degli operatori si ritira per alcuni minuti di riflessione e legge 
"La preghiera dell'accoglienza" e a mani unite si recita il Padre Nostro.

Segue poi lo scandire di un reciproco:
"Buon Lavoro!"  

E' proprio vero: siamo in Famiglia.





 Per garantire la privacy solo gli operatori sono stati fotografati.












"Abbiamo bisogno di Amare 
e di essere qualcuno per qualcun altro!"
(Madre Teresa di Calcutta)



PREGHIERA DELL’ACCOGLIENZA
Aiutami Signore,
ad essere per tutti un amico
che attende senza stancarsi,
che ascolta senza fatica
che accoglie con bontà,
che dà con amore.
Un amico che si è sempre certi
di trovare quando se ne ha bisogno.
Aiutami ad essere una presenza
sicura a cui ci si può
rivolgere quando lo si desidera,
ad offrire questa amicizia riposante
che arricchisce con Te e per Te,
ad irradiare una pace gioiosa
la Tua pace, o Signore,
sempre disponibile e accogliente.
Il tuo pensiero non mi abbandoni
per rimanere sempre nella tua verità
E non venir meno alla tua legge.
Così senza compiere opere
straordinarie, senza vanagloria,
io possa aiutare gli altri a sentirti
più vicino, perché la mia anima
ti accoglie ad ogni istante
Amen.